Acetone urinario

Sigla e Sinonimi: Acetonuria

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE

Significato clinico
L'acetone è una molecola normalmente presente nel nostro organismo. Il suo aumento è dovuto ad un disordine metabolico, quando l'organismo dopo aver bruciato gli zuccheri a disposizione comincia a bruciare i grassi. L'acetone si elimina attraverso i polmoni e i reni per cui è facile identificarne la presenza annusando l'alito che ha un caratteristico odore di frutta matura. Molte volte è un sintomo che accompagna malattie febbrili, shock emotivi o digiuno prolungato. Un eccesso di acetone (ketoacidosi) si può avere in presenza di diabete scompensato, laddove vi è una carenza di insulina.
In medicina del lavoro l'acetone viene ampiamente impiegato in resine, lacche, oli e vernici. L'assorbimento avviene per inalazione e per via percutanea. Se assorbito in dosi elevate può provocare cefalea, vertigini, sonnolenza, vomito, rinofaringite e congiuntivite. In caso di intossicazione da isopropanolo, suo principale metabolita, aumenta.


Prelievo
Tipo di campione
: urine di fine settimana e di fine turno lavorativo.

Norme comportamentali e dietetiche
Il soggetto deve raccogliere e consegnare al personale preposto alla raccolta un campione di urine alla fine del turno della settimana lavorativa. Istruzioni pre-esame.

Referto
Tempi di risposta
: 2 giorni
Prenotazione: No
Eseguibile a domicilio: Si

Valori di riferimento
Soggetti non esposti: < 10 mg/l
Valori limite biologici di esposizione ad acetone (BEI) per campioni di fine turno: < 50 mg/l
Valori limite biologici di esposizione ad isopropanolo (BEI) per campioni di fine turno: < 40 mg/l

INFORMAZIONI PER GLI OPERATORI

Campione biologico: Urine fine turno lavorativo.
Stabilità dei campioni: Il campione può essere conservato in frigorifero per 48 ore e congelato per un mese. Risultati falsamente negativi possono risultare per cattiva conservazione dei campioni in quanto l'acetone è molto volatile.
Provetta/contenitore: Provetta per la raccolta delle urine.
Norme pre-analitiche:
Metodo: HPLC
Sezione: Medicina del Lavoro. Tossicologia.

i nostri Settori