Acido fenilgliossilico

Sigla e Sinonimi: PGA

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE

Significato clinico
L'acido fenilgliossilico insieme all'acido mandelico è uno dei principali metaboliti dello stirene o vinilbenzene. Lo stirene, idrocarburo aromatico, è un liquido di colore chiaro, di odore intenso e penetrante, poco solubile in acqua ma molto solubile in alcool etilico ed etere.
Oltre che come solvente, viene anche usato per la produzione di polimeri e di materie plastiche, della gomma artificiale e per la sintesi di composti organici. Lo stirene viene assorbito per via respiratoria e transcutanea. La sua metabolizzazione avviene a livello microsomiale epatico con formazione di acido mandelico, acido fenilgliossilico, alcool benzilico, acido benzoico e acido ippurico.
L'acido mandelico e l'acido fenilgliossilico rappresentano circa l'84% della quota di stirene metabolizzata dall'uomo. L'intossicazione da stirene provoca effetti irritativi sulla cute e le mucose; a concentrazioni più elevate svolge un'azione tossica sul SNC.
La determinazione della concentrazione dei due acidi nelle urine raccolte al termine del turno di lavoro viene utilizzata quale indicatore di esposizione biologica (I.B.E.) in quanto esiste una stretta correlazione tra intensità di esposizione e stirene.

Prelievo
Tipo di campione
: urine di fine settimana e di fine turno lavorativo.

Norme comportamentali e dietetiche
Il soggetto deve raccogliere e consegnare al personale preposto alla raccolta un campione di urine alla fine del turno della settimana lavorativa. Istruzioni pre-esame.

Referto
Tempi di risposta
: 1 giorno
Prenotazione: No
Eseguibile a domicilio: Si

Valori di riferimento
Per esposizione a sirene la somma acido mandelico e acido fenilgliossilico deve essere <400 mg/g creat.
Per esposizione a etilibenzene la loro somma deve essere < 700 mg/g creat.
Valori limite biologici di esposizione (I.B.E.) per campioni di fine turno: < 250 mg/l (< 240 mg/g creat)
Valori limite per soggetti non esposti: < 10 mg/l
(L'esposizione professionale può essere ulteriormente chiarita attraverso la valutazione comparata dei valori di concentrazione dell'acido fenilgliossilico rilevati nelle urine all'inizio e alla fine della giornata lavorativa).

INFORMAZIONI PER GLI OPERATORI

Campione biologico: Urine fine turno lavorativo.
Stabilità dei campioni: Il campione può essere conservato in frigorifero per 48 ore e congelato per un mese.
Provetta/contenitore: Provetta per la raccolta delle urine.
Norme pre-analitiche:
Metodo: HPLC
Sezione: Medicina del Lavoro. Tossicologia.

i nostri Settori